Karnak Reborn

I PG continuano le loro indagini. Decidono di recarsi nella zona del porto, per esplorare il Forte delle Manticore. In questo luogo, che si trova in riva al mare, viene ospitata la Legione speciale delle Forze Aeree di Corentyn, un gruppo di soldati scelti che difende lo spazio aereo e la costa della città a cavallo delle temibili manticore (link: http://bit.ly/fDOtp4).

Il Forte è proprio quello che Oyun aveva visto in una delle sue visioni.
La zona è ampiamente presidiata, e i PG vengono bloccati all’ingresso del Forte. Mentre stanno per allontanarsi, Oyun sembra preda di una delle sue solite visioni e si rivolge a Jagr chiamandolo Davok.
Davok è l’aiutante di Kurtzen Roost presso la locanda Death & Taxes. Perché nominarlo proprio di fronte al forte? A questo punto i PG – che, tra le altre cose, notano la massiccia presenza di figure in borghese che nulla hanno a che vedere con i soldati – iniziano a sospettare che Davok sia in qualche modo legato alla Legione.

Nasce un accenno di rissa con alcuni perdigiorno che stazionano di fronte al Forte. Uno di questi sembra una guardia in borghese. Dopo l’intervento delle guardie che si trovavano sul portone di ingresso del Forte, i PG si allontanano, pur sentendosi seguiti.
Di passaggio nell’Easttown, la zona di Corentyn popolata da commercianti e saltimbanchi, il gruppo viene avvicinato da una strana creatura, alta come un halfling e dalla testa di corvo. Attirati in un vicolo con la scusa di ricevere informazioni utili alle indagini che stanno conducendo, i PG vengono attaccati da cinque di queste creature, alle quali ben presto si aggiunge un tiefling appostato su di un tetto. Bravo nel tiro con l’arco e molto esperto nell’uso di particolari munizioni assordanti, il tiefling li mette in seria difficoltà.

Messo in fuga da Jagr, Alaqai e Kilvall, il tiefling si lascia scappare una frase inquietante: “Aleonor mi aveva detto che siete forti, ma non avrei mai pensato fino a questo punto!”. Questa affermazione apre a scenari carichi di preoccupazione. L’elfa scura, emissaria del Nephandum, si è messa sulle tracce dei PG, decisa a stanarli.

Il trambusto provocato dalle esplosioni dei composti chimici del tiefling mette in allerta le guardie cittadine. Ben presto il quartiere pullula di soldati, Hellknight, Diabolisti e Inquisitori, decisi a mettere le mani su chi ha infranto le regole dell’Esoterium: in città, infatti, sono vietati incantesimi superiori ai cantrip, pena l’arresto.

I PG, feriti, si rifugiano di nuovo presso la locanda, dove incontrano Davok che sta facendo la guardia alla porta di ingresso. Entrano in fretta e furia, per mettersi al riparo. Poi, una volta dentro, sentono il Dworg (rimasto in strada) parlare con una pattuglia di guardie cittadine accorsa sul posto. I soldati non vengono fatti entrare, tuttavia i PG sentono una frase sibillina..
Sembra infatti che uno dei soldati si rivolga a Davok chiamandolo “Tenente”. Che cosa ha a che fare il Dworg con le guardie cittadine? I PG chiedono spiegazioni a Kurtzen, rimasto dentro a servire i pochi clienti atterriti dalla presenza degli Hellknight nel quartiere. L’elfo, però, difende l’amico e giura che si tratta di una persona di cui ci si può fidare…

Comments

Kyras

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.